TECNOLOGIA
Apple Music: la sfida a Deezer e Spotify
Scritto il 2015-07-06 da Michela Assuntino su Applicazioni e giochi

Il nuovo aggiornamento del sistema operativo iOS ha portato con sé una grande novità: si tratta di Apple Music, la nuova applicazione dedicata allo streaming musicali da pochi giorni disponibili su iPhone e iPad. L'intento di Apple è chiaro ovvero indurre i propri utenti ad utilizzare un servizio proprietario invece dei ben più noti Deezer e Spotify che hanno aperto la strada di questa tipologia.

Come funziona Apple Music

Chi ha già scaricato e installato iOS 8.4 sul proprio dispositivo ha trovato la nuova funzionalità Apple Music. Gli utenti che vorranno provare il servizio avranno la possibilità di usufruire di un periodo di prova di tre mesi gratuiti, sicuramente abbastanza per capire le potenzialità dell'applicazione. Apple Music possiede un catalogo di circa 30 milioni di canzoni da poter utilizzare senza acquistare nessun prodotto. Interessante anche la funzionalità radio che è stata introdotta da Apple con il nome di Beats1.

L'utente potrà ascoltare tutti i brani presenti nel catalogo. Il funzionamento è lo stesso di concorrenti quali Deezer e Spotify. Al termine del periodo di prova ci sono due possibilità: un abbonamento singolo da 9.99 euro mensili oppure un abbonamento familiare. Con 14.99 euro al mese potranno essere associato fino a sei Apple ID al proprio servizio.

La risposta degli utenti

Il servizio è stato lanciato da troppo poco tempo per dare già da ora un giudizio sulle sue funzionalità. Sicuramente non rappresenta una grande novità per cui utilizzava già questo tipo di applicazione ma permetterà a tutti di puntare ad ulteriori sviluppi. La concorrenza infatti porterà anche Spotify, considerato leader nel settore, a puntare ad un netto miglioramento dei propri servizi.

Molto dipenderà anche dagli artisti: alcuni hanno deciso di togliere i propri brani da tutti i servizi di streaming musicali. Si potrebbe creare una vera e propria lotta interna per creare il catalogo più appetibile per il pubblico. L'idea è quella di rendere lo streaming musicale la prima forma di fruizione di contenuti musicali per il pubblico.

Articoli Correlati
  Uno dei nomi più importanti del mondo dei videogiochi si lancia nel fitness: Atari, il creatore di una delle console più famose, presenta Atari Fit, la nuova app per Android e iOS che vi segue negli allenamenti. Addominali, pesi o flessioni? Il software è stata sviluppato in collaborazione con l'esperto di fitness Michael Porter, personal trainer certificato NASM, e per questo offre il giusto mix tra relax ed allenamento. Tra una fatica e l'altra, infatti, si possono sbloccare i vecchi giochi Atari per esercitarsi nei momenti di pausa. Atari Fit ha il programma adatto a voi, può importare i dati dalle altre app (RunKeeper, Apple Health, Google Fit) ed è compatibile con moltissimi dispositivi per il fitness (Jawbone, Fitbit, Android Wear). Inoltre è social, perchè vi permette di sfidare o collaborare con gli amici e di pubblicare i risultati ottenuti. L'app della software house si può usare da soli e in compagnia e ha più di 150 esercizi da svolgere per mantenere o riacquistare una buona forma fisica. Non è solo una applicazione per allenarsi, Fit è un motivatore: l'accumulo di monete permette di sbloccare gli amatissimi Centipede, Pong, Super Breakout e di giocare durante le pause. Atari Fit arriva nei Play Store come un'app che fornisce utili consigli ogni giorno, che stimola l'utente e lo coinvolge.

App - Wappamondo

Alzi la mano chi non ha mai mangiato una Goleador, la doppia caramella gommosa diventata un mito tra grandi e piccini. Oltre che regalare gusto e dolcezza, adesso la Goleador è pronta anche a farti divertire giocando alla Goleador League, la nuova app di Goleador per andare alla ricerca delle figurine rare per completare la propria collezione come si faceva da bambini. Raccogliere figurine virtuali è semplice e immediato, ma la raccolta degli oltre 120 personaggi della Goleador League non è l’unica funzionalità dell’app che consente anche di schierare la propria formazione, come in un classico trading card game, per sfidare gli amici. Come si gioca a Goleador League? Innanzitutto sul proprio dispositivo mobile, smartphone o tablet, bisogna scaricare l’applicazione disponibile sia su App Store che su Google Play. A questo punto si riceverà subito un primo pack di figurine con le quali poter iniziare a giocare. Come detto in precedenza, l’obiettivo è quello di potenziare il proprio team trovando le carte più potenti, figurine speciali e personaggi bonus che potranno essere conquistati grazie al codice (da inserire nell’apposito campo dell’app) che si trova all’interno delle lastrine della caramelle Goleador. Con la sua nuova e coinvolgente app Goleador mette insieme il collezionismo e il gaming di carte particolarmente apprezzato dai più giovani per un divertimento intergenerazionale in cui ragazzini e adulti si possono sfidare con le loro card per cercare di scalare le vette della Goleador League. Il grande obiettivo di tutti è quello di trovare la carta del Goleador, impresa non semplice che porterà i meno giovani indietro nel tempo, agli anni 70 quando i cacciatori di figurine Panini erano tutti alla disperata ricerca dell'introvabile figurina di Pizzaballa, portiere di riserva passato alla storia per la rarità della sua figurina Panini. Sponsored by Goleador

App - Comunicablog

Una selezione di giochi e utility per la festa più “mostruosa” che c’è!

App - Comunicablog


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2020 Nanalab S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 09996640018